Intestino pigro

Regolarità intestinale: come risvegliare l'intestino pigro?

Pubblicato il 28 settembre 2021
Indice:

L’intestino pigro è un problema che può coinvolgere molte persone per periodi di tempo limitato: senso di pesantezza e gonfiore sono solo alcuni dei sintomi attraverso il quale si può manifestare un rallentamento delle funzioni intestinali. Vediamo come poter risvegliare la motilità dell’intestino e ritrovare il proprio benessere quotidiano.

Quando l'intestino è regolare?

La regolarità intestinale è un fattore che determina in maniera significativa lo stato di benessere fisico di una persona. Sebbene ogni individuo possa avere un proprio “orologio interiore” è opportuno sottolineare che tenere sotto controllo le proprie abitudini intestinali permette di prevenire – ed eventualmente rimediare – a disturbi quali l’intestino pigro o la pancia gonfia.

La condizione di regolarità intestinale, negli adulti, si verifica quando si verificano le seguenti condizioni:

  • evacuazione regolare, ogni 2 o 3 volte a settimana;
  • l’eliminazione delle feci avviene in maniera naturale, non dolorosa e senza l’utilizzo di lassativi o clisteri.
  • le feci non sono dure o di volume scarso.

È opportuno tenere presente che l’alterazione di questo equilibrio può portare sia ad una condizione di pigrizia dell’intestino sia, quando si prolunga nel tempo, alla vera e propria stitichezza. La prima situazione identifica una condizione di inerzia del colon che si contrae con maggiore lentezza rispetto a quanto accade in situazioni normali. In altri casi è possibile che la regolarità intestinale sia dovuta ad una problematica a carico dei muscoli della pelvi.

Intestino pigro - sedentarietà

Quando la regolarità intestinale viene interrotta

L’attività intestinale è una condizione di equilibrio che può essere facilmente interrotta quando si presentano uno o più fattori di rischio, i principali dei quali sono:

  • uno stile di vita particolarmente sedentario che può portare ad un rallentamento dell’attività intestinale;
  • alimentazione scorretta e povera di fibre;
  • periodi di stress intenso sia dal punto di vista fisico, sia mentale;
  • abuso di alcuni farmaci, tra cui gli antiacidi;
  • durante le vacanze: modificando alimentazione, ritmi e orari è possibile sviluppare la cosiddetta stipsi del viaggiatore;
  • assunzione di una quantità ridotta o insufficiente di liquidi.

Si ricorda, inoltre, che la regolarità intestinale può essere alterata anche dalla presenza di una condizione patologica, tra cui la sindrome del colon irritabile o altri disturbi che possono alterare la flora batterica intestinale.

A prescindere dalla causa scatenante, l’irregolarità intestinale si può presentare in diversi modi: oltre alla riduzione delle volte in cui ci si reca in bagno, è possibile avvertire un senso di pesantezza e gonfiore e, qualora il problema dovesse persistere, anche di irritabilità generale.

tisane per intestino pigro

Come risvegliare l'intestino con rimedi naturali?

Per porre rimedio a problemi legati alla motilità intestinale è possibile ricorrere ad alcuni rimedi naturali efficaci. Primi tra tutti, si suggerisce di preparare degli infusi o tisane con erbe dalle proprietà lassative: alcuni degli ingredienti che possono essere utilizzati sono la liquirizia, il finocchio, il tarassaco e il rabarbaro. Da non sottovalutare anche il succo di carciofo, capace di regolarizzare l’attività intestinale in maniera del tutto naturale.

Inoltre, non bisogna sottovalutare anche le tisane a base di Frangula, il cui principio attivo più importante è la frangulina, particolarmente utile nel trattamento della stitichezza occasionale cronica. A differenza di altre erbe medicinali o artificiali, la frangola conferisce nuovo tono muscolare alle fibre muscolari dell’intestino e riesce a stimolare dolcemente la peristalsi.

Se, invece, la regolarità intestinale è stata turbata da una cattiva digestione o da intolleranze alimentari, è più opportuno ricorrere al finocchio, le cui proprietà carminative possono rivelarsi particolarmente utili. Allo stesso modo anche l’angelica può favorire la peristalsi intestinale, ostacolando la creazione di fastidiosi gas intestinali.

Quanta acqua bere per aiutare la regolarità intestinale?

Assicurare il giusto apporto di liquidi è fondamentale per poter mantenere l’intestino attivo. La quantità di acqua da assumere ogni giorno è abbastanza variabile a seconda degli individui, dell’ambiente nel quale si trascorre la giornata, del lavoro svolto e dello stile di vita in generale.

Secondo quanto riportato dal Ministero della Salute[1], per poter mantenere in equilibrio i normali meccanismi di autoregolazione è suggerito, negli adulti (sia uomini, sia donne) di assumere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Si tratta di valori indicativi che possono cambiare quando ci si trova in climi particolarmente caldi, si svolge un’attività fisica molto intensa o ci si trovi in una situazione che potrebbe provocare uno stato di disidratazione.

È opportuno sottolineare che appagare il fabbisogno giornaliero di acqua permette non solo di assicurare una corretta regolarità intestinale, ma anche il miglioramento di numerose funzioni fisiologiche.

Bere due bicchieri di Acqua Fonte Essenziale ogni mattina a stomaco vuoto permette di ritrovare il proprio benessere quotidiano, contrastando gonfiore senso di pesantezza e irritabilità intestinale.

[1] Fonte: Ministero della Salute

  • Tenere sotto controllo le proprie abitudini intestinali permette di prevenire – ed eventualmente rimediare – a disturbi quali l’intestino pigro o la pancia gonfia
  • La regolarità intestinale può essere alterata anche dalla presenza di una condizione patologica, tra cui la sindrome del colon irritabile
  • Infusi o tisane con erbe dalle proprietà lassative sono un ottimo aiuto.
  • Assicurare il giusto apporto di liquidi è fondamentale per poter mantenere l’intestino attivo.
  • Il Ministero della Salute, per poter mantenere in equilibrio i normali meccanismi di autoregolazione, suggerisce di assumere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Leggi anche:

Intestino pigro

Intestino pigro e menopausa

Molte donne in menopausa lamentano una certa pigrizia intestinale che accentua, spesso, un problema già…

Leggi
Intestino pigro

Come combattere la stitichezza con Acqua Fonte Essenziale

Combattere la stitichezza con un’acqua ricca di magnesio è possibile: assumendo per almeno un paio…

Leggi

Privacy Preference Center

Funzionali

I cookie funzionali aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

PHPSESSION,

Performance

I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat_gtag_UA_61742592_2,_gid

Profilazione (terze parti)

i cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. Questi cookie sono di terze parti che dietro concessione del cliente, operano nella profilazione dell'utente.

GPS, PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC, c_user, datr, fr, sb, spin, xs
GPS, PREF, VISITOR_INFO1_LIVE, YSC
c_user, datr, fr, sb, spin, xs

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?

Are you sure?

By disagreeing you will no longer have access to our site and will be logged out.